loading

YOUNG NEIL

HOMEGROWN

YOUNG NEIL - HOMEGROWN
 

Genere: Rock

Etichetta: WARNER

Anno: 2020

Supporto: CD

18.90

€ 18.90

Aggiungi al carrello

Definito dallo stesso autore come 'un ponte tra 'Harvest' e 'Comes A Time'', 'Homegrown' è l'album 'perduto' che nel 1975 avebbe dovuto riportare Neil Young verso il country rock e la cima delle classifiche. Come noto, le cose andarono diversamente (Neil non se la sentì di darlo alle stampe, ritenendolo troppo personale, esplicito e imbarazzante nel documentare la fine della sua relazione con l'attrice Carrie Snodgress) e quel disco è rimasto sepolto negli archivi fino ad oggi, anche se - come spesso accade con il canadese - una parte dei suoi brani sono affiorati in dischi successivi seppure in forma diversa. Mettiamo ordine: dei dodici titoli che contiene sette sono ufficialmente inediti (e tre mai ascoltati prima d'ora, neppure nei bootleg dal vivo), mentre cinque sono apparsi in seguito su 'Decade' (''Love Is A Rose'), 'American Stars 'n Bars' ('Star Of Bethlehem' e 'Homegrown') 'Hawks And Doves' ('Little Wing') e 'Ragged Glory' ('White Line'). Insieme, compongono organicamente una raccolta che - come osserva Sylvie Simmons su Mojo - alle melodie semplici e accattivanti di 'Harvest' aggiunge talvolta le coloriture inquiete e tenebrose del 'Tonight's The Night' di due anni precedente (ne è un esempio l'iniziale 'Separate Ways'): pur distanziate tra loro in scaletta, la malinconica 'Mexico', una spoglia 'Kansas' per sola voce e chitarra e il frastornato monologo parlato di 'Florida' sembrano comporre una trilogia, un diario di viaggio forse ispirato dall'album 'Holland' dei Beach Boys, mentre il piano e la pedal steel della struggente 'Try' riportano al Neil del 1972, 'We Don't Smoke It' è un blues strascicato e l'altro inedito 'Vacancy' un rock a tutto tondo. Per quanto rallentata 'Love Is A Rose', osserva ancora la Simmons, ricorda la versione che ne fecero i Crazy Horse nel loro primo album intitolandola 'Dance, Dance, Dance', 'White Line' e 'Litle Wing' rievocano direttamente - nel loro dialogo tra armonica e chitarra acustica - le atmosfere di 'Harvest' e 'Star of Bethlehem' è arricchita dalla voce di Emmylou Harris, che con Levon Helm (alla batteria in alcuni brani), Robbie Robertson, Karl T Himmel e il pianista Stan Szelest spicca tra gli ospiti di una sequenza di canzoni registrata tra il giugno del '74 e il gennaio del '75 in parte dal solo Neil (voce, chitarra, pianoforte e armonica) e in parte con il contributo di fedeli collaboratori come Ben Keith (steel e slide) e Tim Drummond (basso). La lunghissima attesa è finita, e i risultati non deludono: è lo stesso Young a riconoscere, finalmente, che ''Homegrown' - registrato in analogico e masterizzato a partire dai nastri originali - è un album molto bello che avrei dovuto condividere, anche se a volte la vita ti ferisce'

track list

Separate Ways (inedito)
Try (inedito)
Mexico (inedito)
Love Is A Rose
Homegrown
Florida (inedito)
Kansas (inedito)
We Don’t Smoke It No More (inedito)
White Line
Vacancy (inedito)
Little Wing
Star of Bethlehem

 
 

Potrebbe anche interessarti

 

YOUNG NEIL

TONIGHT'S THE NIGHT LIVE AT THE ROXY 1973 - RSD 2018

2-LP

 

 

37.90

 
ac
ACCEDI
Indirizzo E-Mail:

Password:


Accedi
CARRELLO

Il tuo carrello
è vuoto

Vai alla cassa
richiedi preventivo
CERCA
Artista
Titolo
Genere
Etichetta
Supporto
Cerca dal
Codice a barre
Cerca